Header image alt text

Ehi Grillo

Il primo colloquio: come fare

E se si viene chiamati per un colloquio di lavoro? Ecco alcuni consigli per avere le migliori possibiità:

  1. Il primo contatto telefonico è già un test: siate sereni e propositivi, cortesi ed educati.
  2. Informati!: Informatevi sull’azienda, sul mercato in cui agisce, sui sui partner e sui suoi concorrenti. E per ultimo memorizzate il nome e cognome della persona che vi  esaminerà.
  3. La puntualità non è un optional: è un indice della vostra affidabilità. Calcolate la distanza dal luogo del  colloquio e i mezzi che vi serviranno per arrivarci in modo che non ci siano imprevisti. Arrivate con un certo anticipo ma non presentatevi più di 5 minuti prima dell’incontro. Cercate di essere gentile con tutti, ricordate che sono tutti colleghi, e una frase caustica davanti a un caffè potrebbe farvi fuori. Portate una copia del vostro curriculum.
  4. Accompagnati dalla mamma o dal papà, no vi prego!: ritornate al punto dei commenti caustici…
  5. Sorridete: : guardate negli occhi la persone che vi accolglie, stringete la mano con fermezza ma senza stritolarlo (è sintomo di insicurezza).E’ normale che siate emozionati, ammettetelo piuttosto che andare nel panico. In fondo dimostra che siete interessati a questo lavoro!
  6. Abbigliamento adatto all’occasione:  non è detto che si tratti sempre di un abbigliamento formale, ma deve essere comunque adeguato. Nel dubbio scegliete il classico. Non trascurate igiene, trucco e accessori. Non esagerate con il profumo.
  7. Spegnete il cellulare prima del colloquio o o mettete la vibrazione.
  8. Volgete in positivo le vostre esperienze:  se cambiate lavoro è per crescere, non perchè siete in disaccordo con il vostro capo! Dimostrate capacità di rielaborare le esperienze o le difficoltà in modo da farne dei punti di forza.
  9. Certe domande sono scontate: siate preparati alla risposta. La comunicazione è basata su un linguaggio comune, quindi usate il linguaggio, i temini che vi sembrano più adatti all’azienda con cui interagite. Magari studiatevi il loro sito web. Probabilmente avrete più di un colloquio, nel caso siate coerente nei vari incontri. Prima del colloquio rileggi l’annuncio di lavoro per fissarti bene in mente i requisiti professionali ricercati e la terminologia usata.
  10. Se decidete di mentire fallo bene : l prima o poi dovrete rendere conto di quello che evete affermato, quindi o è la verità o dovrete imparare molto in fretta.
  11. Le vostre richieste contano, ma non siate affrettati: In genere è lo stesso esaminatore che introduce l’argomento. Fate tutte le domande che ritienete opportuno fare ma non esagerate, e soprattutto non ponete la domanda  all’inizio del colloquio. Al termine del colloquio invece è il momento giusto per fare due o tre domande sull’azienda, su eventuali possibilità di formazione lavorativa e di carriera, sulle responsabilità principali del lavoro.
  12. Durante il colloquio: Fate molta attenzione alle domande, saper ascoltare è importante. Rivolgetevi almeno una volta nei confronti dell’esaminatore usando il suo cognome. Stessa cosa se gli esaminatori sono più di uno. In questo caso non fissate lo sguardo su un solo esaminatore, ma a turno su tutti. Ricordate però che spesso il più anziano è chi ha maggior peso nella scelta.
  13. Se fate una gaffe?: trasformate l’autogol, rettificate immediatamente, dimostrerete di aver coraggio e di essere sinceri.
  14. Salutate cordialmente: sia l’esaminatore che la segretaria o l’assistente con una stretta di mano e un sorriso, ringraziandoli per avervi dedicato tempo. Cortesi ma non esagerati.
  15. Domande sui tempi della selezione: In genere i selezionatori si mantengono sempre vaghi sull’argomento, non insistete troppo. Nel caso in cui si mostrino disponibili a fornirvi informazioni telefonicamente, approfittate dell’occasione per appuntare il loro numero di telefono diretto. Ricordate però di richiamare nei tempi indicati.
  16. Riscrivete: Pochi lo fanno, ma : potrebbe essere , a parità di condizioni con altri candiadati, il punto che fa pendere la bilancia a vostro favore. Dopo il colloquio, mandate una mail di ringraziamento e di conferma di interesse all’esaminatore. Dato che lo fanno in pochi, è un atto di cortesia che resterà in mente all’esaminatore.

Dopo di che….non restate ad aspettare, andate oltre, mai focalizzarsi su un solo obiettivo…